Perchè i denti si muovono?

Semplice! I nostri denti si muovono sempre e non sono mai completamente allineati perché siamo vivi!

Che si tratti di lenti e invisibili spostamenti nel tempo oppure piccole percettibili oscillazioni i nostri denti non smettono mai di muoversi per tutta la vita.

Capiamo il perché i denti si muovono nel tempo e perché non sono mai completamente fermi, anche in condizione di perfetta salute.

Perché i denti si muovono?

I denti si muovono per tutta la vita e in modo impercettibile perché il nostro organismo, normalmente, si muove. Semplici attività quotidiane come camminare, respirare o deglutire influiscono in modo costante sugli spostamenti dei nostri denti.

Nei primi mesi di vita sono proprio le forze muscolari della deglutizione che permettono lo sviluppo dei denti da latte, modulando e modellando lo sviluppo del cranio-facciale.

La posizione dei denti quindi non è che il risultato di una serie di forze muscolari (tra le quali la masticazione o la muscolatura delle labbra e delle guance) che su di essi agiscono in modo costante e in più direzioni. Se una di queste forze venisse meno il dente ritroverebbe il suo equilibrio altrove, dove le forze sarebbero nuovamente bilanciate.

Le forze antagoniste a cui è sottoposto il dente

Le forze antagoniste a cui è sottoposto il dente

Ad esempio: sai perché quando si perde un dente quello antagonista fuoriesce dalla sua sede, come se andasse in cerca di quello mancante?

Ciò accade proprio perché ci sono muscoli che costantemente “spingono” i denti verso l’esterno, ma questa spinta è bilanciata dal dente antagonista il quale, durante la masticazione o il semplice contatto dovuto alla chiusura della bocca, esercita una pressione contraria che “respinge” il dente, mantenendolo al suo posto. Se invece l’antagonista per qualche ragione venisse a mancare, come nel caso riportato qui sotto, il dente lo “cercherebbe” fino ad uscire completamente dalla sua sede.

Mobilità dentale: la ricerca dell’antagonista mancante con conseguente perdita del dente

Il nostro organismo è materia in costante movimento e ci sono un’infinità di fattori che possono modificare queste “spinte” muscolari alle quali i denti sono sottoposti, come età, malattia, traumi, postura, stili di vita etc. Essi non potranno mai stare fermi e allineati tutta la vita, pertanto avere i denti dritti oggi non significa necessariamente averli anche domani!

Perché i denti non sono mai completamente fissi?

Oltre ai movimenti lenti e impercettibili appena descritti i nostri denti si muovono anche all’interno della loro “sede” naturale, ma in modo più evidente e per motivi differenti.

Per dimostrartelo prova a fare un piccolo esperimento: spingi con la lingua i denti frontali e contrai le labbra in modo da respingere gli stessi dal lato opposto. Sicuramente sentirai che i denti, anche se pochissimo, onduleranno. 

Questo avviene perché ogni dente è posizionato su una specie di cuscinetto (il legamento periodontale) che permette un’oscillazione all’interno di una sezione ossea più rigida (l’alveolo osseo). Come per le automobili, è come avere ammortizzatori che assorbono i colpi dovuti alle imperfezioni delle strade. Senza di essi rischieremmo di provocare danni all’auto o di avere forti dolori di schiena dopo un lungo viaggio. Allo stesso modo il legamento parodontale “ammortizza” i colpi, dovuti ad esempio alla masticazione, ed evita che la radice del dente tocchi le pareti dell’alveolo osseo, in quanto esso sopporta male la pressione.
Essendo le fibre che compongono il legamento elastiche i nostri denti hanno un piccolo “gioco” dovuto proprio a questo “sistema di ammortizzamento”.

info-dente

La struttura di un dente

Normalmente non ci accorgiamo di questi piccoli movimenti perché ci siamo abituati. Se invece ci accorgiamo che uno o più denti non sono più stabili come prima e li sentiamo muovere allora significa che potrebbe esserci un problema da non sottovalutare.

Solamente una visita odontoiatrica toglierà ogni dubbio, ma sarebbe bene fare un check-up odontoiatrico anche in perfetta salute, almeno una volta l’anno, perché moltissime patologie che hanno una cura lunga e costosa (spesso dall’esito incerto), se scoperte all’inizio della loro insorgenza, sono sicuramente molto meno antipatiche.

 

NOTE SULL'AUTORE 

Federico De Zani 

Dental blogger, grafico, appassionato di Social Media e Marketing. 

Dopo la laurea in Scienze della Comunicazione si specializza in Marketing Management all'università degli Studi di Bergamo e in grafica pubblicitaria. Ha collaborato con agenzie creative specializzate in web marketing e in organizzazione di eventi e dal 2016 lavora come grafico e responsabile della comunicazione di EasyDent (cliniche odontoiatriche). Appassionato di odontoiatria realizza contenuti in diretta collaborazione col team EasyDent pensati per il pubblico non esperto.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *